lunedì 3 maggio 2010

Come attivare la PEC gratuita per privati: la procedura da seguire

In questo post cercheremo di capire la procedura per attivare la PEC gratuita, la Posta Elettronica Certificata per comunicare con gli enti delle Pubblica Amministrazione ed avere il riconoscimento legale di queste comunicazioni. Di fatto, insomma, si mandano in pensione le lettere raccomandate.

Per attivare la PEC gratuitamente bisogna anzitutto collegarsi al portale Posta Certificata e compilare i tre campi previsti dalla procedura di iscrizione al servizio. Perché questa fase dell'attivazione vada a buon fine bisogna ricevere un messaggio di conferma alla fine dei tre passaggi: riceveremo sul nostro indirizzo di posta elettronica un codice da stampare.

Quindi, dopo almeno 24 ore dall'attivazione, ci si reca all'ufficio postale più vicino che sia abilitato all'attivazione PEC: l'elenco di questi uffici viene fornito sempre sul portale, così come la lista degli enti di Pubblica Amministrazione già dotati a pieno regime di Posta Elettronica Certificata.

Alla posta dovremo portare il documento di attivazione che abbiamo stampato, il tesserino del codice fiscale (e magari una fotocopia) e un documento di identità. Una firma ed avremo la nostra PEC gratuita! C'è però qualche problema con i server: non è consigliabile, a meno che non ne abbiate assoluto bisogno, fiondarsi ad attivare nuove caselle  PEC personali (che saranno del tipo nome.cognome@postacertificata.gov.it ), perché i tempi di risposta del portale non sono brevi e si registrano spesso interruzioni che comportano la ripetizione della procedura.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts with Thumbnails