giovedì 4 ottobre 2012

Servizio Condivisione Auto in Italia: Car-pooling su Blablacar

Il car-pooling in Italia è ormai una realtà: sono diversi i servizi di condivisione auto che si stanno affacciando sul mercato e consentono di risparmiare a molte persone, specie i pendolari. Oggi parliamo di Blablacar, l'evoluzione del sito www.postoinauto.it. Conosciamolo insieme.

Servizi di condivisione auto e passaggi condivisi


"Blablacar", così come tutti i servizi di car-pooling, si basa sul principio di condivisione di un'auto da parte di più persone che compiono nello stesso momento lo stesso percorso o parte di questo, dividendosi le spese di carburante. Se i signori A, B e C devono andare nello stesso giorno dal luogo X al luogo Y, invece di usare tre auto, si organizzano, si incontrano in un punto di ritrovo condiviso e vanno con un'auto sola pagando un terzo delle spese.

Carpooling gratis
L'iscrizione al servizio è gratuita, così come il suo utilizzo. Si pagherà, ovviamente, solo quando si accetta un passaggio da qualcuno: la cifra sarà pattuita in precedenza e sarà elaborata dal sito stesso, che permetterà di evitare possibili speculazioni. Come ben indicato nel sito, ad esempio, il "costo" di un passaggio in car-pooling è lo stesso indipendentemente dal numero di occupanti dell'auto, proprio come accadrebbe in un autobus o in un treno (il prezzo è lo stesso, a prescindere dal numero del passeggeri).

Tra gli aspetti più interessanti vi è la possibilità di scegliere con cura le persone a cui chiedere un passaggio: i profili sono molto curati e moderati da un apposito staff, che vigila anche su un utile sistema di feedback che ogni passeggero è invitato a lasciare dopo aver viaggiato. In questo modo i guidatori sono invogliati a comportarsi bene alla guida, privilegiando la sicurezza e la prudenza.

I viaggi possono essere lunghi e, perché siano più piacevoli, è possibile individuare i passeggeri più in linea con le nostre abitudini: quelli che amano parlare (simpatico il sistema di indicazione della loquacità, che va da "bla" a "blablabla"), quelli che non amano viaggiare con animali, quelli che preferiscono la musica, quelli che amano lo sport (e quale), insomma, tutti troveranno un passeggero adatto a loro.

Ma la condivisione auto è sicura? Oltre alla sicurezza alla guida, infatti, alcuni possono avere delle riserve in merito ad incontri poco piacevoli: per chi non volesse correre rischi, benché lo staff sia costantemente contattabile dagli utenti, c'è a possibilità di viaggiare solo con donne, i cosiddetti "viaggi rosa".

Tali garanzie sono previste anche per chi sta dall'altra parte, cioè decide di mettere a disposizione la sua auto per le tratte che compie di frequente: massima trasparenza nella determinazione dei costi, alto livello di selezione dei passeggeri e modalità di contatto in linea con le proprie esigenze lavorative o private (cellulare, email, messaggino etc.).

Il risparmio, per tutti, è notevole: è stato calcolato che, nel peggiore dei casi, è come se i costi del pedaggio autostradale fossero azzerati! Inoltre vi è la possibilità di incontrare persone nuove con cui stringere rapporti di amicizia o, perché no, di lavoro, visto l'alto livello di selettività che Blablacar offre. Da non sottovalutare anche l'opzione "tappe intermedie", che permette di indicare alcune delle località raggiunte durante il viaggio, aumentando così le possibilità di trovare passeggeri interessati a condividere le spese.

Se l'idea vi piace, e noi crediamo di sì, vi suggeriamo di dare un'occhiata su www.blablacar.it : magari c'è già qualcuno disposto a darvi un passaggio!

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts with Thumbnails